1° Maggio e ATM Milano

2 Mag

Utenti paganti che spingono la 93, ah i POTETITI MEZZI DI ATM MILANO! E’ la festa dei lavoratori. All’Azienda Trasporti Milanese forse hanno preso con un po’ troppo zelo la questione. Massimo rispetto per i lavoratori in ATM, per carità, però nonostante ci siano stati continui avvisi e accorgimenti i dipendenti hanno fatto un po’ i furbetti. Diciamo le cose come stanno: Il primo maggio è la festa dei lavoratori, Atm ha avvisato a mezzo audio, tramite avvisi scritti, sui tabelloni, su giornali e su internet del fatto che il servizio avrebbe funzionato fino alle ore 20.00 . Bene direte voi, che ti lamenti
a fare allora? Signori è una questione semplice semplice… siamo italiani ed in Italia abbiamo na buona dose di festività, tra cui il 1° Maggio. La festa dei lavoratori: la vesta di quei lavoratori onesti che lavorano fino in fondi, rispettano i patti e le regole. Come mi spiegate, allora, il fatto che già dalle 17.30 in zona Stazione Centrale i mezzi procedevano a singhiozzo? Come mai già dalle 19.00 la linea 56 passava ogni venti minuti?

Semplice, l’occazione fa’ l’uomo furbo, ed il tempo della siesta può pure essere anticipato.

Lo ripeto, per quanto abbia ritenuto gli scioperi del 2008 anche spropositati o eccessivi, mal congegnati/organizzati non posso che ribadire il mio massimo rispetto per i lavoratori dell’ATM. Gli stessi che si alzano alle tre del mattino mentre ancora dormiamo per trasportarci al lavoro/università etc… Schifo altamente i furbi. Quelli che se ne approfittano per far festa. Quelli che di “patti chiari e amicizia lunga” gli fa’ una pippa.

Bene. se vi dico che mi hanno rotto i santissimi, vi stupisco?

Beh, credo di no… suvvia…

L’ Italia ne è piena, mi risponderete. Beh, ci son momenti come quelli di ieri in cui proprio penso a cose del tipo “da piccoli, ucciderli da piccoli e menare i genitori”. Milano certa gente non se la merita eppure di medici o infermieri naif ce ne sono ma non per questo il primo Maggio chiudono gli ospedali… evidentemente né la giunta, né tantomeno ATM hanno compreso l’importanza della mobilità, la necessità primaria dell’uomo di potersi muovere.

Basta sto prendendola larga. Rimane il fatto. Punto.

Da non dimenticare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: