Irrational-Rationalistic point of view\10

3 Ago

Dopo due anni oramai ti eri abituato al nuovo ambiente. Avevi cambiato due college, due appartamenti e due automobili. Avevi cambiato pure tre fidanzate. Ora potevi dirti realizzato, dalla camry eri passato direttamente alla mercedes. Potevi fare 100 miglia orarie sulla highway parlando beatamente al Blackberry. Tutti ti conoscevano come “The Italian“… ma di americani fino ad allora ne avevi visti pochini. Sarà ma Miami è una città dove il meltin’pot è un marchio di fabbrica. Se in Italia ti sentivi un recluso li ti potevi sentire normale. Potevi sentiri divino. Nessuno che ti chiedeva di tornare a casa prima di un certo orario, nessuno rompeva se lasciavi casino in giro o se la tavoletta del bagno era zozza. Di gente strana ma anche interessante ne hai conosciuta parecchia: figli di avvoccati sudamericani immigrati, famiglie di galleristi ebrei, mormoni, vegani, cattolici ultraconvinti chonga. Lesbiche simpa e lesbiche meno simpa. Sei stato su diversi yacht, un tuo compagno ti ha pure invitato ad un party galleggiante in acque internazionali, a metà strada con Cuba, dove hai sperimentato le prime droghe pesanti. Ti fanno schifo, hai concluso, ma la bella vita l’american way fatto in quel modo, l’eccesso forse non ti dispiace. Quando pensi all’anno precedente ti rimane qualche dubbio, il controllo ossessivo della popolazione, i problemi col visto ed i traffic tickets, i poliziotti che fan sdraiare te e altre dieci persone perchè due tizi latinos si stavano insultando poco più in là. I litigi col postino che ti aveva bloccato la cassetta perchè ti eri dimenticato di ritirare la posta per una settimana. Il cibo pessimo. Ora nel nuovo college privato era una pacchia, certò più difficile ma alla fine non era male. Coi tuoi completi Lacoste, la Mercedes, il Blackberry, Ily, ed i party ogni tre giorni era proprio una pacchia. Però dopo due anni spesi per riparare fuggire dalle incongruenze familiari e scolastiche in Italia hai deciso di tornare per mettere a frutto il tempo passato in USA. Ora il BlackBerry non và più, la patente non è valida e la Mercedes l’hai venduta. Di fare party a milano non se ne parla, oddio… si… ma è tutto più cheapy.

Ora vuoi studiare medicina. Ma c’è il test d’ammissione. Ora sei insoddisfatto, non riuscirai mai a realizzare i tuoi sogni. Quali? Avere talmente tanti soldi per poter fare ogni minima puttanata, raggiungere e superare i tuoi friends di facebook. Avere anche tu una barca e poter fare orge al largo.

Ah che nervi poi tua madre. Almeno con tuo padre filava tutto liscio. Lui non c’era mai e se cera non dava fastidio: seduto tutto il giorno sul divano a guardare la Cable ingollando patatine. Ogni minima richiesta veniva esadudita. Che nervi, che frustrazione. Tua madre ti odia proprio perchè ti sei trasferito. Ma se lei non ha detto nulla a riguardo? Che colpa ne hai? Pensi che tuo padre in fondo abbia ragione a chiamarla “Skyzo”.

Non riesci neanche a drogarti più come una volta. Non trovi più il rabbino che ti passa la roba buona. Il rabbino ed i suoi favoriti.

Basta, devi rincominciare. Soldi, servono soldi.

Annunci

7 Risposte to “Irrational-Rationalistic point of view\10”

  1. Eri_Kawa 25 agosto 2008 a 00:16 #

    Ho finito i soldi sul cellulare, ed anche avendoli non saprei a quale numero mandarti un messaggio, è tardi e cazzeggio; forse questo mi spinge a dirti e chiederti diciamo, di fare un “Irrational-Rationalistic” anche su me.

    Così per divertimento, per quanto abbiano un lato crudelico sti post mi paiono di base istintivi , questo mi fa incuriosire; anche se di tutti ne ho letto mezzo (viva la sincerità)

    Ma, mi sa che non li fai su richiesta, che tristezza..

    Bof..

    Eri

  2. experiment101 25 agosto 2008 a 16:19 #

    Non è possibile.
    Grazie al tubo, ne hai letto mezzo.
    Leggili tutti, magari potresti rivederti nel testo.
    Non è da escludersi.

    VK

  3. Eri_Kawa 28 agosto 2008 a 23:41 #

    Ma nooo, ok non ero sincera, non li ho letti, se ho letto mezzo titolo è tanto; me li ha descritti fiamma, ma per quanto lui mi incuriosisse, nel mettermi davanti a quei post mi cadevano le braccia, a mio dire troppo incasinati per non pretendere più del minimo del mio sforzo cerebrale.

    Eri..

  4. VincentKrups 29 agosto 2008 a 09:40 #

    Allora è inutile scriverne anche solo uno su di te, tanto non lo avresti letto.

  5. Eri_Kawa 29 agosto 2008 a 15:29 #

    No lo leggerei , per pura curiosità, passo dopo passo, fino alla fine; ma se non lo scrivi non la sapraiii mai..

    Eri.. Che si giubila (<-potrebbe essere errato..) tanto perchè non ha niente da fare..

  6. VincentKrups 29 agosto 2008 a 18:44 #

    Beh.. tanto non posso scriverlo lo stesso.

  7. richard 6 novembre 2008 a 19:56 #

    ma chi cazzo è questo tizzio?
    ma o bischero sai cosa vuol dire studiare negli Usa?
    ma quanti cavolo di film ti sei bevuto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: