Archivio | Composing RSS feed for this section

Come sei Avant!

14 Set

Ero in fame chimica. Non avevo proprio voglia di uscire dal locale. Andare al baracchino delle luride dopo aver pagato trenta maledette torte di fango afgane per entrare nel bordello era uno spreco. Cercavo quindi il necessaire sotto il mio pratico tuxedo. Cartine, filtri, tabacco.

Mi fermo un attimo a contemplare la massa di intellettuali chic della mia città. Certo, loro si vestono bene e tutto. Hanno degli ottimi corredi di adulatori e provengono da ottime famiglie. Vanno a Saint Moritz d’inverno e a Montecarlo d’estate. Qualcuno sta raccontando della sua ultima esperienza in Malesia, descrive tutto con particolari “che no, sai, noi gente di un certo livello non possiamo permetterlo”. Dio come se la menano dicendo minchiate inutili. Sfregandosi i loro prepuzi su argomenti inutili, facendo mercimonio ed equo scambio di gelosie e riconoscimenti. La santa società della Milano che conta. Non sa’ cos’è una addizione ma sicuramente è addicted da sostanze varie: Autoaffermazione estrema di se’. Stupore momentaneo in cerca di approvazione: ricevere applausi e ricevere gli applausi del pubblico fingendosi muti, cechi e sordi.

Mi avvicino a un tizio defilato, appoggiato a un palo dell’illuminazione che fuma una sigaretta Hay. Stava zitto. Dietro al suo cespuglio di capelli ricci si celava forse un cervello?

-Scusa hai da accendere?-  Faccio io sorridendogli.

Lui mi guarda con aria persa, era tranquillo e composto ma si capiva che in quel momento in realtà era da qualche altra parte. Sbatte un attimo le palpebre, strabuzza leggermente gli occhi e parte. Imprevisto. Mi fissa dritto negli occhi: i suoi fessurati quasi a cercare il dettaglio dei miei pensieri, le mie palpebre in costante e continua apertura.

Continua a leggere

Eros – thanatos – tette!

20 Ago

E’ necessario accontentare più target contemporaneamente. Target: specifica la categoria di persone, divise secondo criteri demografici, sociografici e geografici alla quale andranno venduti/comunicati certi prodotti/messaggi.

Bene. Nessun problema.

Caratteristiche del cluster (insieme di persone che formano un target):

Il pubblicitario in preda a un attacco isterico esegue una rotazione sulla sua poltrona Henry Miller e scatta in piedi: “Uomini, possibilmente con figli, sposati da tempo, capi famiglia.”

Improvvisamente si alza dalla sedia e scaraventandola contro la parete fa’ un balzo felino sulla scrivania di cristallo. Con le sue scarpe verniciate leopardo-fluo calcia via fermacarte e fogli ammucchiati, prosegue: Non mi interessa far contenti i vecchi bacchettoni della generazione dei miei genitori, i giovani, i disoccupati con dei VALOOOORI, quali la famiglia, il divertimento, la goduria, la bella vita. Non devono neanche essere capaci di leggere, non necessariamente, devono piacergli le tette.  LE TETTE!

Si passa le mani sulla giacchetta di camoscio indaco all’altezza del torace per mimare il gesto di un seno ed esegue una giravolta.

“E poi.. i giovani devono imparare, che nella vita ci si deve divertire ma con moderazione… prendete alla leggera la vostra vita. E’ inutile che stiate li a far i musoni. Confidate nella gnocca! Tanto… al peggio ci siamo già abituati”

scende dalla scrivania, ora suda.E’ agitato, si sente oppresso e aggiustandosi i polsini della camicia chiede sottovoce all’assistente “Dov’è la coca?”

L’assistente che è un uomo sulla cinquantina, barba caprina, occhiali Fidel Castro e stempiatura aureolata apre un cassetto e porge un sacchetto al nostro giovane creativo; “Mi raccomando i valori… ok le tette, ma ricordiamo a questa gente dove vive, riportiamo scherzosamente tutto su un piano più reale…”

Lo scamosciato che nel frattempo sembra aver assunto le sembianze di un munificatore, col muso sporco di bianco, ora è più gioviale, pare rilassato:

“Ma certo, anche per questo ho la soluzione, ho chiamato il mio amico Sabud Rashid dall’ospedale e ho comprato ottimi coloranti…”

E poi mi raccontano di Villa Certosa!

Komakino

12 Lug

This is the hour when the mysteries emerge

A strangeness so hard to reflect

A moment so moving, goes straight to your heart

The vision has never been met

The attraction is held like a weight deep inside

Something I’ll never forget

The pattern is set, her reaction will start

Complete but rejected too soon

Looking ahead in the grip of each fear

Recalls the life that we knew

The shadow that stood by the side of the road

Always reminds me of you

How can I find the right way to control

All the conflict inside, all the problems beside

As the questions arise, and the answers don’t fit

Into my way of things

Rock

27 Giu

Grandma’s remedy

gymnastic_granny

Since 1921

 

Pensa che ti ripensa: il blocco del bloggatore.

22 Dic

Sto pensando… non mi vien nulla in particolare da scrivere.

Stanno succedendo un sacco di cose.

Turbinio di eventi.

Rimanete sintonizzati perchè qualcosa succederà.