Archivio | design RSS feed for this section

Riassunto del Blog 2007

3 Gen

 

Nel 2007 ho (stra)parlato di…

E’ successo che…

  • è nato bl0x, e non è durato neanche un’anno…
  • ho iniziato a sperimentare con l’arte generativa
  • ho scoperto i King Cimson
  • ho arrangiato un videoclip che è andato in onda su tele Lombardia; si trattava di un concorso. Il suddetto viedoclip è stato battuto da un piccione, sicuramente è meglio così.
  • la chiesa ha avuto qualche problema con i suoi dipendenti.
  • due guru dell’informatica “leggermente scopiazzoni” si sono confrontati;
  • Ho fatto la maturità e mi sono diplomato;
  • avvenimenti dopo il diploma e occupazione assillante;
  • ho sviluppato una fobia verso i nuovi baby-consumatori;
  • son stato in un paese folle ed al contempo fantastico;
  • girare per il mondo non ti ripaga di certe cose;
  • ho cercato in modo goffo di scrivere un (breve) pezzo pirandelliano ma alla fine ho preferito sperimentare amplificando i sensi;
  • mi sono iscritto all’università.
  • ho deciso che se facessi il giornalista sarei un giornalista musicale e mi piacerebbe farlo perché potrei scrivere cose tipo questa: zero sforzo/massimo cazzeggio;
  • ho trovato il mio guru;
Poi è arrivato il 2008.
Annunci

Perché design?

11 Dic

 Una piccola lezione di vita da un gran designer.

Ho trovato il mio nuovo guru.

Vedi certi siti e ti senti nel 1997. Apri quello della CGIL e scopri che il 1997 è adesso!

16 Ott

Io con la politica ho un rapporto strano

Il mio è un approccio alla politica proprio borderline: è un’orchestra che non vorrei proprio sentire, per come è ora qui in Italia. Leggo i giornali, guardo la televisione, navigo nella rete e mi sento sempre più a rischio ulcera. Vedo, Sento, Leggo cose che mi fan dire in continuazione “Devo tenere duro! Tanto prima o poi riuscirò ad andarmene da questo paese tutto tarallucci e vino”.

Succede che poi qualche persona a te vicina è caduta tra il martello e l’incudine del sistema: un caso di minaccia sul lavoro: mobbing.

Cerco di aiutarla per quanto mi è possibile, ci parlo e mi informo. Scopro che esiste una Camera del Lavoro a Milano. Uno sportello apposito.

Tutto fiducioso vado sul loro sito:

http://www.cgil.milano.it/

una ‘cosa’ non definibile sito internet, a meno di non credere di essere nel 1997.  Quando la gente diceva ancora parole come ‘ipertesto’, ‘parola calda’, ‘accendi un po’ l’internet’ e altre cose di questo tipo…

Quel rappresenta bene la situazione dei sindacati italiani, vecchi e farraginosi, vecchi, sopratutto VECCHI.

Per la cronaca: anche il sindacato polacco è più bello della CGIL. Non è fatto con FrontPage o, come io sospetto, con Microsoft Word.

Qui trovate i Lituani e qui gli Islandesi tutti molto più dignitosi.

Vi risparmio i sindacati della vecchia MittelEuropa, non voglio deprimervi ulteriormente.

se però siete interessati date un’occhiata a questo indirizzo.

Il 50% delle opere artistiche mondiali si trova in Italia. Il resto, al sicuro.

25 Mag

La CowParade ha girato un po tutto il mondo, ma solo qui due mucche sono state rubate, una danneggiata, una addirittura bruciata e diverse vandalizzate. Qualcuno le ha cavalcate, altri con la vernice spray hanno fatto la loro tag oppure dei graffiti. E non provate a difenderli i graffitari, dicendomi che è colpa della società, perchè se qualcuno dipinge su un loro “pezzo” senza prima avvistali o ci butta sopra della vernice, s’incazzano anche loro!

Chi addirittura ha dato fuoco alla mucca, chi se l’è caricata in macchina per poi mettersela in camera da letto. Chi non ha saputo distinguere la differenza tra una mucca ed un asino (perchè in Italia s’andava sull’asino, mica col cavallo) e ha deciso di cavalcare. A qualcuno piaciono di vetroresina, le trovano leggere e quindi pensano che siano veloci ma sono solo delle statue.

Per Milano sarebbe stata si una grande occasione ma, evidentemente, tra città ed hinterland è evidente che la gente non sia capace di essere civile; considerando anche il fatto che CowParade è una forma d’arte pubblica, non chiusa in aree espositive ma immersa nella città, quindi niente biglietto da pagare.

I tifosi di calcio poi? Sembra di assistere a un rito di cavernicoli o, come mi ha suggerito Luca, a una trasposizione moderna del Rogo dei libri a Berlino (tra l’altro era il 10 Maggio ’35):

La folla urla e fischia contro i Vigili del Fuoco che spengono il rogo:

adesso capite perchè odio il calcio?

Filosofia molto umana

16 Mag

Filosofia molto umana

Questa immagine comparve sul mio vecchio spazio su Altervista,

E’ dedicato a tutti quelli che van predicando pace e bene, qualli che hanno sentimenti Very,

Chi vuole L.P.N.M.® (La pace nel mondo) e vuole salvare i bambini e i cani dalla strada.

Dedicato a tutte quelle persone, starlettes della tv, che compaiono prepotentemente in certi programmi su italia1 in televisione: il vero amore non è quello scelto in vetrina(cit.);

A noi ci piace la Filosofia Very©, ossia quella Molto Umana.

IKEA vende on-line

21 Feb

Cavoli! Apprendo via Blogo.it che è finalmente possibile comprare cose Ikea direttamente dal loro sito, che è cosa buona e giosta se pensi che non devi più farti code chilometriche alla cassa e non devi per forza perdere giornate a cercare i tuoi mobili in magazzino.
Il trucco però c’è (se si può chiamare tale):
Il trasporto a casa costa 15€ per pacchi che pesano fino a 30Kg e oltre sono 55€ da sganciare.
Per ora il servizio è in fase sperimentale e quindi è ristretto solo alla regione Lombardia (leggasi Milano & hinterland).
Il servizio vale per i possessori di carte VISA, MASTERCARD e BANKPASS;
è possibile restituire la merce entro 30 gioni e se la merce è difettosa la garanzia di 2 anni vale come un qualunque prodotto comperato “dal vivo”.

L’arte di vendere scatole a prezzi assurdi

29 Gen

Ok, incominciamo bene: dopo il post di apertura di Bl0x parliamo di scatole, boxes costosi.
Quale prezzo dareste ad una scatola, una mensola delle dimensioni approssimative di 40x70cm, si chiama “The Crate” ed è fatta di puro legno vergine? Ovviamente il giusto… Ma osservate le pregevoli venature nel legno! Il colore! Questa è arte! L’intaglio nel legno! Ne compensato ne truciolare danno quell’impressione pregevole al tatto ed alla vista, la pulizia delle linee oh! Questo è design minimalista… ad un prezzo che tuttosommato è come regalato. Dice: ma che regalo è? -Una scatola! non vedi? Cinque tavole di legno incastrate assieme da un abile artigiano che…- Quanto costa? 170$
Non è normale che una scatola di legno, nonostante tutto costi cosi tanto! Autocostruirsi un ogetto simile costa meno e probabilmente soddisfa di più. Chi vende tutto ciò? L’IKEA per (non secessariamente dotati di gusto) ricchi, riccastri oppure gente che vuole alzare il suo clichè semplicemente esponendo una scatola progettata da un certo Jasper Morrison, assemblata da Established and Sons e venduta da questa versione Americana dell’ IKEA ossia MatterMatters. Materia: io per lo stesso prrzzo ne produco di più ed è pure modellabile. Ovviamente Matter offre una vasta gamma di oggetti più o meno utili a prezzi più o meno folli, tutto venduto on-line oppure a Brooklyn, al 227 5th Avenue. Ma vuoi mettere?!!?!!??