Archivio | glitch RSS feed for this section

Progetto Drean!

7 Feb

Il manifesto mi sa’ di deja-vù: “Prima o poi doveva qualcosa succedere, mi dicevo, ed alla fine è successo”.

Siamo quelli nati in Italia più di vent’anni fa e meno di trenta. Una generazione priva di valori e di ideali, che considera il problema della globalizzazione fuori moda e la politica roba da cinquantenni.

Siamo annoiati, scontenti, nel migliore dei casi riusciamo a lamentarci, ma da parte nostra non abbiamo mai avuto intenzione di fare niente, aspettiamo, che qualcun’ altro cambi le cose per noi.

Aspettiamo, e intanto non vogliamo essere disturbati, non leggiamo libri, non leggiamo quotidiani, quello che c’è aldilà del nostro metroquadrato di spazio vitale non ci interessa, ci interessa la stabilità, la normalità, il quieto vivere e il benessere materiale. Lo dicono le statistiche, se dovesse mancarci il denaro saremmo disposti a vendere un organo, a prostituirci, a tradire il paese, gli amici.

Aspettiamo e intanto ci giustifichiamo, continuamente, prima di tutto con noi stessi, continuiamo a ripeterci che non è colpa nostra, che è colpa della società, cercando di rassicurarci. E il più delle volte ci riusciamo. Come se poi quella società non fossimo noi a farla. Come se non ci riguardasse. Come se non fossimo noi a dover costruire il futuro nel quale vivremo.

Siamo apatici, menefreghisti, non crediamo più in niente, ce ne stiamo immobili senza fare niente ad aspettare che il tempo ci passi addosso cercando di farci meno male possibile.

Non abbiamo più voglia.

Non abbiamo più sogni.

Forse è tempo di cominciare a farci qualche domanda.

Sono assolutamente tentato di partecipare… sicuramente lo metto in lista tra le cose da fare a Marzo.

Promesso! preparerò il mio 50×70.

Annunci

Synth under my finger(s)

24 Gen

Il mio prossimo acquisto sarà un Korg Kaossilator. Dovrò aspettare fino a Marzo perché è andato a ruba.

Finalmente ho trovato una “sound-machine” poco costosa! YEAH! 🙂

Suoni in Technicolor®

23 Set

-Usciamo ad ascoltare il suono della città?- Mi disse una sera. Ero rimasto misto sbigottito/shockato da una domanda del genere. La guardavo.

-Sai… mi sono procurata uno Shure.. è un fucilotto che capta i rumori, è un po’ vecchio ma fa’ il suo sporco lavoro-. -E che ci fai? Spii i vicini? Le conversazioni dei passanti?- Le chiesi sarcasticamente. Mi fissava delusa. -Dai… non si può mai fare dell’ironia con te! Ma non hai risposto alla domanda-. -Che ci fai con quel microfono?-. Immagino che in un primo momento avesse pensato che non me ne Continua a leggere

Vocal Glitch

7 Mag

#VOCALE
In fonetica, una vocale è un fono che ha come realizzazione prevalente un vocoide. La parola vocale deriva dal latino vocalis, che significa “emettente voce” o “parlante”. Dal punto di vista articolatorio, una vocale è un suono prodotto mediante la vibrazione delle corde vocali e senza frapporre ulteriori ostacoli al flusso dell’aria così fatto risonare. La diverse vocali si ottengono modificando il risuonatore, e quindi con una maggiore o minore apertura della bocca, con o senza protrusione delle labbra, con o senza passaggio dell’aria dalle fosse nasali, e con la lingua posta più o meno in avanti nella cavità orale.
#GLITCH*
Glitch is often produced on computers using modern digital production software to splice together small “cuts” (samples) of music from previously recorded works. These cuts are then integrated with the signature of Glitch music: beats comprised of glitches, clicks, scratches, and otherwise “erroneously” produced or sounding noise. These glitches are often very short, and are typically used in place of traditional percussion or instrumentation. Skipping CDs, scratched vinyl records, circuit bending, and other noise-like distortions figure prominently into the creation of rhythm and feeling in Glitch; it is from the use of these digital artifacts that the genre derives its name. However, not all artists of the genre are working with erroneously produced sounds or are even using digital sounds.

Fonte: Wikipedia it, en.

 

L’Obiettivo è estremamente semplice e lineare:
Chiedo ai naviganti di spedirmi per e-mail un loro contributo audio registrato come preferiscono, le vocali A – E – I – O – U.
Il sottoscritto poi elaborerà il materiale pervenuto e lo ripubblicherà sotto licenza Creative Commons (senza scopo di lucro) su questo sito e su altri siti e piattaforme per la condivisione di brani musicali Creative Commons (es. CCmixter).
Chi partecipa potrà decidere se comparire o meno col proprio nome e/o nickname (Eventualmente anche indirizzo del blog).
Regole:

  • La qualità della registrazione non conta, siete liberi di registrare la vostra voce come meglio credete;
  • Se volete potete pure distorcere la vostra voce, del resto è vostra e ci fate quello che volete;
  • Solo le vocali, prego. Niente alfabeti o altro. E’ un progetto collaborativo, non una sagra di insulti et similia;
  • L’ordine delle vocali non è importante;
  • Per registrare potete usare il programma che preferite: il registratore di suoni di Windows, GarageBand, Cubase, Audacity etc… ;
  • I files possono avere la durata che volete ma ricordate che devono avere dimensioni max. 20 Mb;
  • Il formato è a vostra scelta, anche se vi consigliamo di salvare le registrazioni in .mp3, .mp4, .aiff, .wav oppure .ogg .

Spedite il vostro materiale a questo indirizzo

Continuate a frequentare bl0x, vi terremo aggiornati!

*Per chi fosse a digiuno dell’albionica lingua il Glitch è un tipo di suono prodotto prendendo da tracce audio porzioni molto piccole. Il suono prodotto sembra un impulso, generalmente questo impulso viene ripetuto in loop. L’effetto è simile a quello dei CD che skippano, i vinili che saltano, circuiti in corto circuito e altre distorsioni rumorose prodotte da questi artifici dovuti a malfunzionamenti di apparecchi audio etc… Fortunatamente la tecnologia oggi ci
permette di evitare di rompere lettori CD o altro, fortunatamente esistono programmi appositi per generare questo tipo di suoni. Il Glitch è anche un sottogenere della musica elettronica e trova le proprie origini nella Musique concrète, techno music, industrial music e ambient music.