Archivio | sproloqui RSS feed for this section

Today: Tripolar Birthday.

27 Giu

Da sette anni, oggi, il 27 giugno si festeggia la nascita di tre personalità storiche.

Tre persone nate all’incirca lo stesso giorno. Tre entità accomunate tutte dalla stessa costante: la voglia di spaccare il mondo in quattro e ritagliarsi una loro propria dimensione all’interno del mondo. tre persone con le quali adoro litigare. tre persone con le quali adoro confrontarmi e perdere nottate parlando di “altro”. Di diversione, di lotta, di eversione, espressione, conseguenza e lotte.

 

Continua a leggere

Leopardi on Ipnorospo.

24 Giu

Altro che Silvia…

Era l’Ipnorospo!

Continua a leggere

Ciclo: Previsioni del tempo

26 Mag

Ultima settimana di V. Tre giorni dalla fine.

Tutto era iniziato con una tempesta e la conoscenza di F. Pioveva a dirotto cinque mesi e ventisei giorni prima. Trionfante all’ingresso del B.B. tower. Richiesta alla reception. F chiese della stessa persona, della stessa divisione. Aveva gli occhiali appannati per il freddo. Un ingegnere. Donna. V la conobbe così: in appannamento. Pioveva e tuonava. le palme nella hall avevano un aspetto tetro e decadente.

In questi ultimi quattro giorni il caldo ha arroventato la città. Sull’asfalto era come camminare sul quarzo in corrente. Arrostivi. Verso le due il riverbero confondeva i musi delle automobili. In lontananza: sullo sfondo il Resegone, spoglio. Tre giorni. Tre.

F ora è più sicura, ha smesso con i tranquillanti.

Un nuovo corso di eventi aveva investito V, come fosse immerso nell’ossigeno puro. Ora era inebriato e teso al tempo stesso.

Venerdì è previsto sole.

On the road. On the passenger seat without driver.

17 Mag

Aveva finalmente costruito uno spazio, un confine intorno a lui. Un posto sicuro dove poter vivere tranquillamente e puntare su se’ stesso. Ora, nonostante la presenza contemporanea di cinque spiriti felini, si sentiva solo. Iniziava a stare in piedi, sulle sue gambe. Poteva correre, forse, ma avvertiva il dolore degli aghi. La solitudine gioca brutti scherzi. Non voleva sentirsi più solo. Come fare? Nessuno rispondeva alle sue chiamate. Chi rispondeva declinava. Alla fine decise di stordirsi definitivamente per non sentire la sensazione dolorosa. Aghi sottocutanei di solitudine, non resisteva. Doveva abbandonare se’ stesso e fingersi per un attimo contento.

Contatto umano, umano conforto. Fuori dalle logiche, ormai rodate, del materialismo gretto da marchetta.

Pressione

20 Apr

Continua a leggere

The lion’s rumble.

20 Apr

Come volevasi dimostrare. Ennesima battuta di arresto. Ennesimo collo di bottiglia rispetto a creatività, voglia di costruire, priorità e scadenze.

“Ehi tipo! Che ti succede?”.

Continua a leggere

New Order/1: Evacuazione del personnel

7 Apr

New Order/1 Composizione della stupidità organizzataOggi è un’altro giorno, tra tanti altri giorni/giorni altri che si alternano alternativamente nella settimana lavorativa.

Oggi nella spacemothership/costruzione blue, dove albergo quando non vengo inseguito da schiere di Clerck incravattati e aromatizzati, si sono fatte le cose in grande stile. Oggi ho fatto le pulizie di pasqua alla mia postazione e nello sforzo di disincastrare tutte le graffette che si sono annidate negli interstizi dei nostri divisori di design, mi sono quasi ucciso tirando una craniata contro una mensola. Che piacevole sensazione di stordimento! 9:47 del mattino. Stomaco vuoto. Mi dico: “resisti e stoicamente combatti la tua battaglia in onore dell’efficienza e del progresso”. Continua a leggere