Archivio | Università RSS feed for this section

Stick to the point

28 Lug

Mentre sei solo a un’ora di ventotto di ascolto intensivo di Musica, all’inizio di una strada, comprendi l’interruzione di un’altra. Meglio, capisci perché tempo addietro hai deciso di depositare le armi ed alzare gli scudi. “Big in Japan”: esaurimento spirituale. Paradossalmente mi fa’ schifo ammettere di essermi stufato così presto di lottare per i miei valori ed i miei ideali. Stanco di insistere e trovarmi di fronte ad un muro di gomma ho preferito darci un taglio. Spostando così in altri settori i miei vettori istintivi e propositivi di vita, magari accorciandone un po’ l’intensità non dimenticando, però, il verso e l’orientamento universale. Avrò anche perso in rendimento e stima per i miei gesti. Ho disperso il mio pragmatismo attraverso una più privata contemplazione di grafite stesa in quaderni. Mi è stato utile: ho raggiunto nuovi livelli di conoscenza del mio essere che altrimenti probabilmente non avrei scoperto altrimenti. Sono arrivato a sentirmi una prostituta culturale quando cercavo di spiegare a manichini dotati di gradi di libertà fissati dalla loro stessa posizione, ho avuto momenti di panico, scuotimento, crescita. Un giorno rileggendo questo post mi metterò a ridere, sicuramente; molto più probabilmente mi sentirò molto meglio e più propenso alla vita. Rileggersi fa’ bene all’anima e all’intelletto, così come quando si parla: le proprie parole, la voce, l’accento, il silenzio aiutano a definire la propria identità comunicativa. Le azioni influenzano tuto ciò inevitabilmente e a loro volta sono influenzate in modo duale rispetto alle precedenti. Un’interconnessione: una rete. come tutte le reti, volendo mantenere un livello di organizzazione pressoché egualitario rispetto a tutte le interconnessioni possibili sono finito per lo scontrarmi con i controsensi. Nuovamente. Sono arrivato pure a temere di essere schizzinoso io, quando cercavo di applicare le supposizioni che mano mano prendevano forma nella mia mente. Ho capito che non è di paura. Di c0ntrosensi trattasi. Paradossi: duri, puri, realisticamente astratti, affascinanti quanto vuoi ma comunque paradossi. Ho capito che ora è necessario che la rete inizi a organizzarsi e ad arrangiarsi per i cazzi suoi, mentre io agirò come attrattore strano su di essa. Può pure sembrare una semplificazione olistica della vita: di questo si tratta, non ci sono cazzi. Sono contento poiché le danze non sono finite. Ne passerà ancora di acqua sotto i ponti. Uscirà altra merda dagli occhi. La vita è fenomenale nella sua semplicità. Basta con gli sguardi commossi per l’arredamento, è ora di far pulizia. Indipendentemente dal trend se siamo qui è perché, in un certo senso, abbiamo una missione (almeno a breve termine). Meglio: ci prefissiamo delle missioni per andare avanti. Anche antropologicamente. Cercare risposte, soluzioni. Darsele. Di santa ragione di spirito (possibilmente non solo con quello santo).  L’umanità ha sempre avuto bisogno di problemi da risolvere per progredire e raggiungere nuovi livelli di conoscenza. Il progresso non può e non deve rimanere solo una questione tecnica. L’esistenza è qualcosa che prescinde dai sistemi di riferimento, assi cartesiani se vuoi. Chi se ne frega, tutto è un fine poiché tutto può essere a sua volta un mezzo. Quindi, concentriamoci.

Ora mi concentro bene. E smetto di fumare.

E’ una questione di Legami

2 Set

Gilbert Newton Lewis

In questo ultimo secolo una tranquilla rivoluzione ha mutato la faccia della terra. Materiali che appena qualche decennio fa erano solo nella fantasia sono ora realtà. Il nostro tempo libero è stato trasformato dalle fibre sintetiche e da compact disc flessibili e tutta via robusti. Il polietilene, il polistirolo e il polivinilcloruro (PVC) hanno reso possibili i telefoni cellulari e gli strumenti elettronici. I materiali compositi hanno consentito di costruire aeroplani e automobili veloci e leggeri. I chimici continuano a fornire nuovi materiali che soddisfano le esigenze di tecnici, progettisti, ingegneri, medici, coltivatori e di chiunque altro contribuisce alla qualità della nostra vita.

La produzione di nuovi materiali è stata resa possibile dal fatto che ora gli scienziati capiscono come gli atomi si congiungono in certi modi e capiscono pure le proprietà dei composti così come discendono dal tipo di legame tra gli atomi. Perchè, per esempio, il fosfato di calcio è così rigido che la natura lo ha adottato per fabbricare le nostre ossa? Potremmo fabbricare ossa migliori? Perchè è così difficile produrre composti partendo dall’azoto dell’aria? Potremmo trovare una maniera facile? Come spiegare la capacità dell’emoglobina di legarsi così labilmente all’ossgeno, trasportarlo verso un’altra parte dell’organismo e metterlo in libertà in risposta alle necessità del metabolismo? Si potrebbe fabbricare sangue artificiale? Anche solo il riflettere a domande come queste richiede una certa conoscenza del legame chimico.

Il legame chimico si forma se l’aggregato di atomi che ne risulta ha energia minore dell’insieme di atomi separati. Il sodio e il cloro si legano sotto forma di ioni perchè il cloruro di sodio ha energia minore di quella di un gas di atomi di sodio e di cloro separati. Gli atomi di idrogeno e di azoto si legano a formare l’ammoniaca, NH_{3}, perchè un gas costituito da molecole di NH_{3} ha energia minore di un gas costituito dallo stesso numero di atomi di azoto e di idrogeno. Per di più, se tale minore energia si può conseguire mediante la formazione di ioni, allora saranno ioni; se invece, l’energia minore si consegue condividendo elettroni, allora si formeranno molecole.

I cambiamenti di energia che si verificano quando si formano i legami si devono al mutamento di collocazione degli elettroni di valenza degli atomi, cioè degli elettroni appartenenti agli strati più esterni degli atomi. Intuiamo, dunque, la possibilità di spiegare il legame chimico sulla base della struttura elettronica degli atomi. Dato che tale struttura elettronica è correlata con la posizione degli elementi nella tavola periodica, siamo in grado di prevedere la capacità degli atomi di formare legami partendo dalla conoscenza del gruppo e dal periodo. […]

Fu il chimico americano Gilbert Newton Lewis (1875 – 1946), uno dei maggiori chimici della storia, a gettare le basi della conoscenza che oggi abbiamo del legame chimico.

Tratto dall’introduzione al capitolo 8 del libro “Chimica Generale” scritto da Peter Atkins e Loretta Jones edito da Zanichelli.

AAA Atteggiamento Socratico Cercasi

10 Apr

Ebbene si, son giorni che non scrivo più nulla di sensato su questo blog. Bene. neanche questo, probabilmente è un post sensato, ma andiamo oltre e dichiariamo pure che me ne frega poco di scrivere cose sensate in questo periodo. Dicevo, bene. Non troppo visto che in questi ultimi quattro giorni sono stato costretto in laboratorio, stretto tra altre 83 persone a seguire il corso di Analisi Chimica. E’ una materia che mi piace tanto perché effettivamente ha come radice quella di comprendere le cose: di scomporle, dividerle e coglierne l’essenza in un certo senso riconoscerle e quindi conoscerle. In fondo anche la radice analýo significa questo.

Bene, dicevo, bene. Una materia che mi piace, fatta in un certo modo, in una certa condizione. Dopo 5 anni in cui son riuscito a districarmi finalmente nel laboratorio mi ritrovo ad essere incastrato nuovamente; incastrato a forza dal sistema che mi impone di lavorare in condizioni folli, stavo dicendo: ottantatré persone che si ritrovano stipate in un laboratorio probabilmente progettato per 60. Mi manca la mia vecchia scuola, ecco tutto.  Mi manca il silenzio o il sommesso vocio e le battute che si levano ogni tanto tra i banconi, mi manca la mitica Marina, sempre pronta a trovare i sali e i solventi dai nomi più strani. Mi manca quell’espressione che si creava ogni volta sui volti dei miei compagni di squadra (si, alla fine a lavorare insieme si diventa una squadra) ogni qualvolta si approcciavano a una nuova tecnica, metodo o ogni volta che scoprivano qualcosa di nuovo ed inaspettato. In università c’è quest’aria da secchionismo e saputellismo che ci son momenti che vorrei mollare tutto, correre via urlando che in fondo Socrate aveva ragione. L’atteggiamento socratico non è sbagliato. In fondo rispetto alla conoscenza bisogna sempre porsi ad un gradino più basso, altrimenti si sarà sempre insoddisfatti. La mia generazione è piena di individui che propugnerebbero l’individualismo sopra ogni attività sociale, fatta salva la propria responsabilità sempre scaricata sul prossimo. E’ facile così. Ok.

In fondo in questi quattro giorni ho rivisto tecniche già usate fino alla nausea già nei tre anni scorsi, non mi è spiaciuto: ho rivisto con piacere i miei vecchi appunti e annotazioni sui miei vecchi quaderni di laboratorio
, sporchi di acidi, coloranti, sali, basi, polimeri e inchiostri sbavati. In fondo l’essere perito chimico non mi autorizza ad essere al di sopra del compito che sto svolgendo solo perché lo svolgo in ambito
chimico-universitario. Sicuramente avrei potuto dominare di più la situazione impartendo ordini a destra e a manca agli ignari liceali ma non mi sembrava giusto. Preferisco osservarli e dare consigli, ovviamente non mi aspetto dei grazie ma non voglio esser guardato con sospetto solo perché conosco trucchi e sono pratico di certi meccanismi. Certe occhiatacce su certe facce mi fan venir voglia di star zitto e metter radici nella mia postazione: fregarmene di tutto e di tutti limitandomi ad eseguire le mie analisi incurante delle richieste di quelli che in un ambiente normale potrebbero esser definiti come animali sociali. La scienza praticata in questo modo porta ad estremizzare i propri comportamenti, provoca celopiùlunghismi inutili e controproducenti. Invece ce sfruttare la sinergia di più persone che lavorano “in tandem” ci si ritrova a lavorare su dei trampoli dove se tutto va bene, se non ci sono buce e nessuno ti fa’ uno sgambetto puoi permetterti di camminare a vista.

L’università da questo punto di vista non aiuta per niente: solo 64 ore di laboratorio in quasi 9 mesi di studio. Niente a che vedere con la vita di laboratorio. Io l’ho detto alla docente di Chimica Analitica e lei si è scusata spiegandomi che in fondo anche lei è costretta per via dei finanziamenti sempre più bassi a ridurre drasticamente le ore di laboratorio. Si è scusata e mi ha pure detto che le dispiace. Le ho risposto di non dispiacersi per me ma per il sistema ed i danni che può provocare. E’ ammutolita e si è rattristata. La capisco.

Anche per me questa è una settimana buia. Talmente buia che neanche il quinto anno di ITIS dove avevo sei ore di fila di laboratorio mi stancavo così tanto (anche lavorando con tecniche e su sitemi più complessi di quelli che sto affrontando adesso).

Domani è un altro giorno, l’ultimo, poi Lunedì l’esame pratico. Il laboratorio finisce per poi riprendere tra un mese e mezzo. Stessi ritmi stessi tempi.

Maria! Maria!\1 “Satana Studia alla Sapienza!”

25 Gen

 

 

« Non escludo, come dicono alcuni giornali, che ci siano gruppi satanici tra questi studenti, come gruppi di atei che hanno come slogan “odio la Chiesa”, “ammazziamo Cristo” o cose di questo genere. Sono questi gruppuscoli al limite del satanismo, tra l’altro… Ecco, comunque sia, cari amici non facciamoci illusioni: Satana è dappertutto, anche nell’Università. Non mi meraviglio che vi siano dei professori cornuti con tanto di tridente e di coda. Perciò non facciamoci tante illusioni, cari amici, perché sotto sotto, state tranquilli, c’è l’odio contro Dio, l’odio contro Cristo, l’odio contro la Chiesa. Dietro questi personaggi c’è sempre il Maligno, state tranquilli che è così: non mi posso sbagliare su queste cose, perché non si spiega, capito? Se tu vai lì con quella gente lì e li spruzzi di acqua santa, esce fuori il fuoco… Fumano! Se li spruzzi di acqua santa fumano, quella gente lì fuma! Fuori va il fumo, capito? Come avviene negli esorcismi più tremendi. » [Wikipedia]

OH CACCHIO! SONO FREGATO!

MA…

SE SONO ATEO

COME POSSO ESSERE SATANISTA?

BOH!?!?*

Questa fantastica e favillante dichiarazione è stata rilasciata ai microfoni di radio Maria dal suo presidente Padre Livio Fanzaga. Padre Livio ci delizia con il suo umile punto di vista in merito alla bagarre che ha visto coinvolti gli studenti dell’università di Roma e il papa Benedetto XVI. Che ne pensate? Secondo me non è un problema di demonio o micademonio, Qui c’è stato un abuso di maria… è chiaro! Ecco cosa succede a eccedere nelle proprie tradizioni, nelle proprie credenze, nelle proprie convinzioni: si diventa fondamentalisti.

*Domenica andrò al Duomo per verificare la teoria di PadreLivio: se mentre mi farò il segno della croce con l’acqua santa o ascoltando la messa esploderò lo verrete a sapere sicuramente dai notiziari.

In tal caso mostrate questa Mia al diretto interessato. Aveva ragione.

Altrimenti beh… continuerò ad ascoltare Radio Maria durante le notti di studio. ascoltarla mi aiuta molto, riesco a fare una media di quaranta serie di addominali a notte! Ridendo! Comodo no?

Radio Maria
 EDIT
P.S. Ai signori dell’intelligence che dal Pacifico stanno analizzando il mio blog dico: EASY! Stavo scherzando! Sono Laico e non mi farei mai saltare per aria per la scienza, sarebbe folle! I was just Hironic!
P.P.S. Ai miei lettori: Se scompaio potete immaginare che sia stato deportato a Guantanamo.
P.P.P.S. No, non sto diventando paranoico, ho motivi più che fondati per ipotizzare questo mio post sia al vaglio quantomeno di Echelon, non vi preoccupate. E’ tutto sotto controllo.

Riassunto del Blog 2007

3 Gen

 

Nel 2007 ho (stra)parlato di…

E’ successo che…

  • è nato bl0x, e non è durato neanche un’anno…
  • ho iniziato a sperimentare con l’arte generativa
  • ho scoperto i King Cimson
  • ho arrangiato un videoclip che è andato in onda su tele Lombardia; si trattava di un concorso. Il suddetto viedoclip è stato battuto da un piccione, sicuramente è meglio così.
  • la chiesa ha avuto qualche problema con i suoi dipendenti.
  • due guru dell’informatica “leggermente scopiazzoni” si sono confrontati;
  • Ho fatto la maturità e mi sono diplomato;
  • avvenimenti dopo il diploma e occupazione assillante;
  • ho sviluppato una fobia verso i nuovi baby-consumatori;
  • son stato in un paese folle ed al contempo fantastico;
  • girare per il mondo non ti ripaga di certe cose;
  • ho cercato in modo goffo di scrivere un (breve) pezzo pirandelliano ma alla fine ho preferito sperimentare amplificando i sensi;
  • mi sono iscritto all’università.
  • ho deciso che se facessi il giornalista sarei un giornalista musicale e mi piacerebbe farlo perché potrei scrivere cose tipo questa: zero sforzo/massimo cazzeggio;
  • ho trovato il mio guru;
Poi è arrivato il 2008.

Eremiti Indotti e disservizi asocializzanti.

2 Dic

Andare all’università è una figata mostruosa. L’aria di sapieza e trasmissione della conoscenza che si respira in quelle aule è qualcosa di inestimabile. Arriva per tutti il momento di preparare degli esami, si spera ogni volta che gli esami non abbiamo date vicine o non si accavallino. Si spera. Ecco: io ho due esami da preparare e dare lo stesso giorno. Cazzo!

Da qui al venti di gennaio sarò costretto a ridurre i miei rubinetti della socialità. E’ assodato che il mio compleanno lo passerò sui libri, poco male. Gli unici non addetti ai lavori ammessi nel mio eremo sono Laura e “la traditrice”. Altri penso possano fare la fine del matematico in “π il teorema del delirio”.

Oh! Vorrei chiarire una cosa: non sento l’esame come un imposizione, anzi, è una cosa necessaria per il mio apprendimento. Sono solo incazzato col sistema universitario. Punto.

My Best.

Libera Me Domine

7 Ott

Seguire le lezioni di matematica seduto su dei gradini diciamo che non ha effetti positivi sul mio fisico; questa attività, in particolare, mi uccide la schiena. Diciamo che alla fine della lezione, dopo due ore di equazioni/De Moivre/serie/vettori e chi ne ha più ne metta, sono a pezzi: non ho certamente la faccia di uno che apprezza la vita e sprizza gioia da tutti i pori saltellando come un cerbiatto in trip da acido per l’arrivo della primavera (aggiungici pure che è autunno, la stagione della mestizia).

Un giorno, in una lezione qualsiasi di “Istituzioni di Matematiche” (mi raccomando! Quando lo leggete cercate di imitare la voce fuori campo di Fantozzi), stavo seduto sui suddetti gradini a prendere appunti come uno scriba impazzito; alla mia destra, comoda comoda, sedeva su una poltroncina ed un banchetto una ragazza: Occhiali, viso rubicondo e devastato dall’acne, vestita tipo alternativo 70s, accluso un caschetto di capelli compresa frangetta.. Ogni tanto si girava e mi guardava. Mi sorrideva: era evidente che stava tentando un approccio. Io non rispondevo e mi limitavo a sbuffare ed a imprecare interiormente circa la mia condizione momentanea. Osservavo in continuazione l’orologio: non vedevo l’ora che finisse quel mio supplizio.

La visione di tutto questo insieme di cose, ossia, la matematica, la tizia in fase approcciante dalle fattezze proprio poco confortanti mi avevano sconvolto alquanto. Tentavo di scrivere quanto più possibile seguendo una logica per me non del tutto chiara. Ma vabbè. Passa un tot di tempo e mi dimentico della suddetta presenza e cerco di ottimizzare gli appunti.

Alla fine della lezione mi alzo e mi stiracchio sbadigliando energicamente.

Avevo la schiena dolorante e mentre me la massaggiavo devo aver detto, a bassa voce, una frase del tipo “Che merda! La matematica m’ha ucciso!”.

Faccio per uscire quando la suddetta ragazza mi passa davanti e mi ferma.

“Ti vedo proprio depresso!”

Ecco: io mi ero dimenticato di lei e rivederla così di botto mi ha inquietato non poco. Ero spaventato e mi giravano i coglioni.

Al sentire quelle parole ho sentito il jingle di “OK! Il prezzo è giusto!” e una voce che diceva “Benvenuti ad una nuova puntata della serie APPROCCI DI MERDA!“.

Devo aver risposto tipo: “Non credo di essere depresso, probabilmente è la schiena distrutta e il prof di mate che va’ come un treno. Aggiungici pure che fa’ un caldo boia…”

Al che lei scappa facendo una faccia misto triste misto sconvolta.

Io rimango basito. In definitiva misto basito/sollevato: 1) Il roito è scomparso; 2) Ho potuto sfogarmi.
Poi incontro un tot di ex compagne di liceo ed andiamo a farci un panino.

So’ ccose che succedono!