Tag Archives: Politica

Tra i cori e i vagoni per immigrati / Integrazione Lombarda

22 Lug

«È arrivata l’ora che questi giudici si trasferiscano in Marocco, dove potranno assaporare le virtù del sistema giudiziario marocchino (…) A Milano i mezzi pubblici dovranno essere guidati solo da cittadini italiani – ha aggiunto Salvini -. Chiamerò immediatamente Catania (presidente di Atm n.d.r.) perché Milano e i milanesi siano rispettati e tutelati e gli fornirò centinaia di curricula di aspiranti autisti lombardi».

Matteo Salvini

Allora io mi chiedo: ma lo fai apposta? Ti piace proprio sollevare polveroni di parole vuote e vane banalità? Tacere molto spesso è la miglior opinione. Qui si sta parlando di discriminazione. Se in Italia la legge che abbiamo è obsoleta, non è certo perché ci piace. Ma porca miseria! Chi ti dice che io mi senta offeso nel vedere un arabo guidare un tram o un autobus… in quanto milanese credo sia giusto che non vi sia discriminazione alcuna tra le persone. Men che meno sul luogo di lavoro. Che poi, voglio vederli… io.. i milanesi D.O.C.G. a guidare la cinquantasei. Voglio vederli.

Poi uno si domanda… Ma perché anche l’UNCHR si preoccupa per il clima sociale del “belpaese”?

Annunci

Andreotti in Stand-by

8 Nov

Notare la faccia della Perego.

Sono momenti.

Saltiamo la lezione della Gelmini

11 Set

Da quando la Donnacamèl me l’ha segnalata (credo un anno e mezzo fa’) io l’ho sempre seguita. Polystyrene, un nome anzi un nick che un chimico apprezza più di un profano. Ebbene. Questa volta mi ha stupito. E’ stata semplicemente geniale. Se solo i politici fossero in grado di immaginare di cosa è capace la popolazione, probabilmente, non farebbero i politici. Purtroppo la realtà è un’altra. Ecco. Adoro il suo blog. Assolutamente. Punto.

Cippa-monito contro la pigrizia estiva - Poly©

Cippa-monito contro la pigrizia estiva - Poly©

Dedicato a tutti gli anonimi lurker o lurkatori che leggono, non commentano e si innamorano di alcuni blog.

Vota la Figa Pelosa

9 Apr

Siete indecisi?

Non Sapete per chi votare?

Il parito de la mona de Lisa

Non vi interessa la figa?

C’è sempre il partito del sole con le borchie!

Fidarsi di Berlusconi è possibile

23 Feb
Ma ne siamo proprio sicuri?

La politica si può fare con due mucche, Dario Salvelli docet.

9 Feb

Dariosalvelli nel suo tumblr ci spiega in modo semplice semplice come funzionano i principali sistemi politici. Lo riporto pari pari, perchè non è possibile togliere nulla da questo fantastico post:

Continua a leggere

Potremmo riassumere così…

8 Feb

il dilemma dei giorni nostri.

… quello che molto spesso ci capita di pensare mentre osserviamo ciò che ci viene vomitato addosso quotidianamente, attraverso la scatola nera psicorimbecillente: la televisione. Che è come dire che in fondo non è colpa nostra ma in realtà sappiamo di esserci dentro fino al collo.

Riflessione nata durante una sporadica ed intermittente visione di AnnoZero su Rai Tre ieri sera.
Un Ispirazione maturata guardando un ragazzo facente parte di una comunità di abitanti in case fatte d’amianto che chiedeva quanto guadagnassero i parlamentari invitati al dibattito. Il suo consiglio alla politica fu’ perentorio: «quanto guadagna lei? Diecimila euro? Fosse per me la prenderei per un orecchio, per una spalla e la manderei a calci nel culo a lavorare».
Il suddetto ragazzo dopo essersi dichiarato apolitico, in quanto abbandonato dalla politica in una situazione folle, alla domanda «Quand’è che potresti avere fiducia in un politico?» rispose «Quando un politico avrà lo stesso stipendio di un operaio». Utopia marxista ho pensato. lui però è evidente che non sa’ neanche cosa sia il marxismo. Un fondo di verità c’è sempre. Quindi ho pensato che siamo in una delle situazioni più buie nella storia dalla costituzione ad oggi. Probabilmente è il vero crollo della Prima Repubblica. I potenti ci devono imbonire. Berlusconi insegna che la TV ed i Media possono tutto. Arriva così pure la stilettata al telegiornale di punta di quella che dovrebbe essere un’azienda culturale, la Rai di cui paghiamo il canone: «Non è un problema solo politico… anche i giornalisti! […] le faccio un esempio, a me che me ne frega di vedere un gatto su una tavola da surf al tg1? Niente! E pure il tg dei problemi della gente se ne sbatte, preferisce parlar della tinta di berlusconi o dei gatti che fanno surf».

Ed eccoci al bannerone di cui sopra.

In TV grande fratello, reality show e al notiziario famiglie sempre più povere.

In politica banchetti, sputi al senato e poi un richiamo a un confronto politico “serio e pacato”.

La varità è che la gente è stufa del sistema.

Il sistema risponde lucrando sul popolo (come sempre ha fatto) e visto che siamo al tracollo del sistema ci si ritrova ad aver la pancia vuota e a dover ridere di quattro stronzi in tv. Ah già, ai tempi dei romani si facevano elargizioni una tantum di farina e pane e si andava tutti al colosseo… ora parlano di extragettito e soldi che arrivano dalla lotta all’evasione fiscale per aumentare salari e pensioni…

…vedi che poi alla fine è la stessa cosa.

Ma le questioni del nostro tempo rimangono le stesse.

Meglio sposare un calciatore o andare a rubare, oppure trovarsi un lavoro onesto e cercare di non farsi fregare?

Il sistema ci vuole svelti e rapidi a rispettare le scadenze e a mandare SMS per televotare. Ci vuole appassionati, a quello che lui vuole.

Avreste dovuto vedere la faccia di Santoro. AH! Impagabile, poi, lo sbrodolarsi addosso chiedendo all’intervistato se la redazione gli avesse chiesto prima della diretta se avesse avuto qualche inquadramento politico.

Poi la casta mi parla “della casta”? Sai che me ne frega a me?

Quattro calci nel culo darei a chi si fa’ i cazzi propri con i soldi miei.